Itinerari e percorsi per ciclisti, cicloamatori e mountainbikers

Itinerari e percorsi per ciclisti, cicloamatori e mountainbikers

Il nostro tour comincia dall’ampia e piatta striscia costiera (quaranta chilometri di percorso litoraneo) si ascende gradualmente verso l’interno, fra paesaggi rurali e territori collinari ricchi di bellezze naturali e di attrattive storiche ed artistiche.

Due vallate (il Marecchia ed il Conca) formano ampi solchi perpendicolari al mare; parallela e trasversale ad esse si snoda una fitta rete varia fatta di strade e di grande comunicazione e di viabilità minore, strade intercomunali, viottoli di campagna e sentieri attraverso i boschi.

INDICE PAGINA

Potresti essere interessato a:


Tour, percorsi e itinerari per ciclisti





















QUALCHE CONSIGLIO PER TUTTI I CICLISTI

Alimentazione e preparazione fisica

L’allenamento in bicicletta deve essere graduale e continuo. Giova moltissimo, tra l’altro, la pratica della ginnastica, o del nuoto, o del tennis. E’importante fare una buona colazione la mattina (es. pane, miele, marmellata, spremuta di agrumi). Durante il giro si beve the, acqua non gassata, succhi di frutta, e si mangiano dolci semplici, pane e marmellata, pane e prosciutto. Evitare senz’altro fritti ed alcolici. Al ritorno abbiamo bisogno di carboidrati (pasta, riso, pane) proteine (carne, pesce, uova, formaggio) fruttta e verdura, un paio di cose almeno, senza esagerare.

PREPARIAMO “LA BICI”…

La nostra bicicletta non chiede nulla, se non la cura meccanica. Verificare sempre i freni, le gomme, i meccanismi, non costa fatica. Senza dimenticare la camera d’aria di ricambio e la pompa.

COME SI STA IN BICICLETTA…

Un assetto ottimale in bicicletta deve assicurare: prima di tutto una corretta respirazione; poi un equilibrio dinamico tra le membra (ad es. le gambe devono essere parallele alla bici); infine movimenti naturali, composti, “eleganti”. Il 50% del peso deve scaricarsi sul manubrio, e la schiena non deve curvarsi tropppo. Insomma la posizione deve essere al massimo “naturale”, non sforzata. Partire con il piede giusto è determinato spesso dalla corretta posizione della sella, che non deve essere troppo bassa.

NON DIMENTICARE CHE…

Tutti gli incontri con gli altri gruppi che vanno in bicicletta, durante il “giro”, saranno improntati alla cortesia ed alla familiarità, che peraltro vengono di norma spontanee. Sul percorso sarà apprezzato un bel gesto di saluto.

IL DECALOGO DEL CICLOESCURSIONISTA

Comportamento da tenere durante una escursione in gruppo per la sicurezza propria e collettiva

  1. Ci si presenta puntuali al raduno come indicato dai comunicati con l’equipaggiamento previsto (camera d’aria di riserva, attrezzi per piccole riparazioni, eventuale colazione al sacco) consapevoli del grado di difficoltà della gita e delle proprie capacità di affrontare il percorso.
  2. Memorizzare la figura del capogita e del ciclista scopa dopo che si saranno presentati.
  3. Alla partenza il capogita dà indicazioni ed informazioni, tutti i partecipanti devono ascoltare attentamente. Se qualcuno, per disattenzione o per essersi allontanato, non sente le istruzioni, non può poi lamentarsi delle eventuali conseguenze.
  4. Non superare il capogita, c’è il rischio di seguire strade non previste portandosi dietro altre persone.
  5. Non attardarsi in coda rispetto alla “scopa”, e non lasciare troppo spazio dal ciclista che precede al fine di rimanere uniti.
  6. Quando si imbocca un’altra strada e ci si accorge che le persone dietro non arrivano, ci si ferma per segnalare la direzione e se ci sono problemi si avvisa il capogita.
  7. Durante le soste, è importante mettersi in disparte, non invadere la strada e lasciare libero il passaggio.
  8. Sulle strade ad alto traffico veicolare procedere in “fila indiana”.
  9. Pedalando in gruppo tenere una distanza di sicurezza da chi precede e evitare, le brusche frenate.
  10. Dopo colazioni o spuntini non lasciare rifiuti in giro. Non pedalare su prati o aiuole, e non danneggiare piante, alberi, animali, non prendere frutti dai campi lungo il percorso.