Richiedi gratis un preventivo

Il Senso del Mare

Il senso del Mare - Cattolica

Un progetto culturale dell’Amministrazione comunale di Cattolica

Anno 2005 – 2008

L’Amministrazione comunale di Cattolica, con il patrocinio della Regione Emilia Romagna, della Provincia di Rimini e dell’Università di Bologna, promuove un nuovo progetto culturale dedicato al Mediterraneo e, più in generale, al mare inteso come realtà geografica, economica, culturale e sociale. “Il senso del mare” è il titolo del progetto, articolato in una serie di manifestazioni che si dipanano nel corso di un triennio, ideato da Maria Lucia De Nicolò, docente di Storia del Mediterraneo dell’età moderna presso l’Università degli studi di Bologna (Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali, sede di Ravenna). La De Nicolò è assistita da un comitato internazionale di cui fanno parte Aldo Bonomi, Gian Paolo Brizzi, Jean Claude Hocquet, Oddone Longo, Cesare M. Moschetti e Momcilo Spremic.

La Biblioteca di Cattolica - l'ingesso interno

La Biblioteca di Cattolica – l’ingesso interno

Il progetto mira a promuovere la città quale punto di riferimento della cultura del mare scoprendo e sviluppando le molteplici connessioni fra scienza e suggestione, storia e mito, politica ed economia, società e spirito ludico attraverso una serie di incontri culturali di respiro internazionale, interregionale e locale tra loro correlati. L’intera città diverrà un palcoscenico in cui saranno impegnate non solo le figure istituzionali e i centri della cultura (biblioteca, teatri, museo), ma anche le altre componenti sociali e produttive legate al mare.

Si tratta di un progetto impegnativo, che prende l’avvio con un ciclo di sette conferenze che si terranno presso il Centro Culturale Polivalente dal 5 novembre al 17 dicembre, con il coinvolgimento di alcuni prestigiosi studiosi che svilupperanno alcuni temi salienti delle rispettive discipline e competenze assumendo quale denominatore comune il mare. Per gli aspetti storici interverrà Oddone Longo (Università di Padova), su quelli artistici si soffermerà Bonita Cleri (Università di Urbino), quelli antropologico-culturali saranno al centro della conferenza di Vito Teti (Università della Calabria), quelli letterari saranno affrontati dallo scrittore Enrico Brizzi; il design industriale per la nautica costituirà il tema dell’intervento di Giovanni Zuccon (Università La Sapienza di Roma), l’argomento sociologico sarà affrontato da Aldo Bonomi (AASTER Milano) e infine quello musicale da Paolo Gozza (Università di Bologna).

La pesca della tratta a Cattolica - primi novecento

La pesca della tratta a Cattolica – primi novecento

Il programma delle manifestazioni è sostenuto dall’ing. Norberto Ferretti, importante nome della nautica italiana che ha reso famose nel mondo le imbarcazioni prodotte nei cantieri navali Ferretti Group e gode del patrocinio del Rettore dell’Alma Mater Studiorum che ha voluto in tal modo sottolineare l’interesse dell’Università di Bologna per il tema affrontato e il programma promosso dall’Amministrazione comunale di Cattolica.

Ciò che si vuol promuovere è insomma un versatile e per certi versi intrigante contenitore legato alla città di Cattolica, capace di trasmettere suggestioni, conoscenze, proposte, aspettative e dinamiche di un Mediterraneo, e più genericamente del mare, esaminato nell’incontro tra passato e futuro in un caleidoscopio di eventi socioculturali.

Bagnanti di Cattolica sulla palata in una giornata di buriana - primi novecento

Bagnanti di Cattolica sulla palata in una giornata di buriana – primi novecento

Il contemporaneo coinvolgimento di studiosi e ricercatori di area scientifica e umanistica interessati all’area mediterranea, servirà a dare vita ad una vera e propria banca dati in cui far confluire documentazione cartacea, sonora e multimediale riguardante il mare in generale e, nello specifico, il Mediterraneo.

Questa banca dati rappresenta sicuramente un’ulteriore opportunità di prestigio e di arricchimento per il Centro Culturale Polivalente di Cattolica, progettato dal Cervellati, che mantiene ancora oggi, dopo tanti anni, un’ impronta di grande attualità e modernità.

.: ARTICOLI CORRELATI :.