Richiedi gratis un preventivo

San Clemente di Romagna

Un piccolo paese sulle prime colline verso la costa dove il panorama è quello dei campi coltivati e del mare, dove si produce un ottimo vino e dove si scopre il piacere del vivere in campagna. Anche San Clemente ha avuto una parte nella Signoria dei Malatesta: queste non sono zone di confine e in epoca malatestiana erano relativamente tranquille, per cui le fortificazioni non assumevano la stessa importanza e potenza che hanno altrove, ma le testimonianze e i segni storici non mancano di certo.

 

STORIA DI SAN CLEMENTE

San Clemente di RomagnaLe prime notizie sul Castrum Sancti Clementis (toponimo che pare derivato dal nome del terzo Papa della storia cristiana dall’88 al 97) rimandano al lontano 962, anno in cui Ottone I, Sacro Romano Imperatore, ne fece un feudo dei Conti Carpegna. Il XIII secolo registra la progressiva espansione dei Malatesta che conquistarono, con atti di forza ed inganni, le terre a cavallo fra la Romagna e le Marche investendo anche queste contrade. Il dominio malatestiano si protrasse a San Clemente fino al 1504 dopo di che nel 1508 lo Stato Pontificio lo assegnò al Comune di Rimini. I secoli seguenti furono caratterizzati dalla accesa rivalità con i vicini borghi di Saludecio e Montefiore per il controllo dei traffici commerciali lungo la Valconca.

 

 

SCOPRIRE SAN CLEMENTE DI ROMAGNA

San Clemente di RomagnaIl centro odierno ha l’aspetto di un tipico borgo di collina. I ricordi malatestiani sono ancora presenti e ben inseriti nel tessuto urbano di San Clemente. Mura malatestiane racchiudono come un tempo il cuore del centro storico ed il complesso detto di Castelleale ( a qualche km dal paese). uno dei rari esempi rimasti nel Riminese di edificio che è nel contempo grande fattoria e villa fortificata, costruito nel 1388 da Leale Malatesta, vescovo di Rimini. Le parziali distruzioni ed i rifacimenti dei secoli successivi hanno modificato profondamente la struttura originaria che, tuttavia, all’occhio attento ed esperto rivela la sua chiara origine medioevale. Interessante è anche l’ottocentesca Chiesa Parrocchiale, disegnata da Luigi Poletti, celebre architetto del Papa, autore del Teatro Comunale di Rimini. All’interno è conservato un quadro di Giovan Battista Costa, interessante pittore settecentesco riminese, raffigurante la Sacra Famiglia.

In ultimo non vogliamo dimenticare che a San Clemente nel 1842 nacque Giustiniano Villa poeta dialettale, cantore con le sue Zirudèle della vita, delle miserie e del forte carattere dei contadini romagnoli. A perenne ricordo di questo grande personaggio la cittadina gli ha dedicato un monumento, realizzato dallo scultore contemporaneo Umberto Corsucci.

 

 

Panoramica del Comune di San Clemente

EVENTI DI SAN CLEMENTE DI ROMAGNA

Di notevole c’é poi tutto il paesaggio rurale: è interessante attraversare la campagna costellata di casolari e di borghi. buona la produzione agricola, ottima quella vinicola che può vantare un Sangiovese tra i migliori del Riminese.

SAGRA DEL VINO

Al vino è dedicata la Sagra del vino dove si tiene una gara tra le cantine e i numerosi produttori locali, un’occasione per far festa, ma anche per assaggiare ed acquistare il meglio della produzione annuale.

COME UNA VOLTA

Manifestazione incentrata sulle tradizioni sia di carattere gastronomico che di carattere culturale. Il Palio Gastronomico mette a confronto il paese e le varie frazioni nel recupero e riproposta dei piatti popolari locali; il Concorso di poesia dialettale vede la partecipazione di numerosi poeti che presentano le loro creazioni giudicate dal pubblico e da un gruppo di esperti.

NOTE DI…VINO

Ciclo di serate dedicate alla valorizzazione del buon vino e della buona musica.

Campagna di San Clemente di Romagna

INFORMAZIONI UTILI DI SAN CLEMENTE

  • Comune di San Clemente: Sito web ufficiale
  • CAP: 47832
  • Municipio: P.za Mazzini, 12 – Tel. 0541 862411 – fax 0541 980710

 

Informazioni tratte dalla guida
“Valli e colline” redatta dall’APT di Rimini & Co.
Le immagini sono state gentilmente concesse da Renato Brancaleoni.
Visita la gallery su Flickr di Rebranca46.