Richiedi gratis un preventivo

Viva viva sant’Andrè, l’è casch tal foss e un s po sughé

Cattolica anni '20 - Fotoricordo amici Cattolica

Cattolica anni ’20 – Fotoricordo amici Cattolica
da sinistra Arnaldo Patrignano, Secondo Del Bianco “Second d’Molari”,
Antonio Vanzolini “Zanetto D’Gnela”, Angelo Lazzari “Anggiulen D’Ciabasch”,
Emilio Molari, Giacomo Lorenzi “Giumin”

 

  • Viva viva sant’Andrè, l’è casch tal foss e un s po sughé

    Filastrocca. Sant’Andrea è il patrono dei marinai (30 novembre). Usava accendere dei falò nelle piazzette dei quartieri. Partecipavano tutti, dai bambini agli anziani. I bambini cantavano la filastrocca. I ragazzi si esibivano con salti attraverso il fuoco. Alla fine le donne raccoglievano i carboni ardenti per metterli nello scaldino. Questa tradizione è stata poi assorbita dai fuochi di S. Giuseppe (19 marzo) di origine contadina

  •  

  • Chi gioga al lott e al créd da venc, al va via si stracc e l’artorna si cenc
    Chi gioca al lotto e crede di vincere, se ne va con gli stracci e ritorna coi cenci
  •  

  • Sént da che boca al vén la prèdga! Da cla linguacia Dio ci scampi e liberi!
    Senti da che bocca viene la predica! Da quella linguaccia Dio ce ne scampi e liberi!
  •  

  • L’ha ‘na facia tosta che se ti ciach li mandule li artorna indré
    Ha una faccia tosta che se gli schiacci le mandorle rimbalzano e ritornano indietro
  •  

  • An ti po miga fè un zcurs (discorso) bin bén, l’è sempre tutt a pr’èria cume al garben
    Non gli puoi fare un discorso fatto bene, è sempre tutto per aria come il garbino
  •  

  • Sigura cal cnoss, avin fatt i burdèll insen. A ssin pérs ad vésta quand i suv i s’è mess su (migliorato posizione sociale) e dop cl’è ‘ndè stè da n’ènta banda (altro luogo)
    Sicuro che lo conosco, abbiamo fatto i bambini insieme. Ci siamo persi di vista quando i suoi hanno migliorato la loro posizione sociale e dopo che è andato ad abitare da un’altra parte
  •  

  • Cume al prim e al sgond, al més al va tutt tond
    Come il primo e secondo giorno, il mese va tutto tondo. Inteso come tempo atmosferico
  •  

  • Lor i la mèt facile, ma tra’l dì e al fè u j’è d mezz al mèr
    Loro la fanno facile, ma tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare
  •  

  • Intènt andèn a magnè, che ad cal baghin (di quella faccenda) a zcurrin dop. A pènza pina us rasona mej
    Intanto andiamo a mangiare, che di quella faccenda ne parleremo dopo. A pancia piena si ragiona meglio
  •  

  • I ché un s’arèss a dè al rest (molto da fare). Se ddè mént ma tutt quel che u j’è da fè an t faréss mai nota
    Qui non si riesce a dare il resto – c’è molto lavoro. Se dai mente a tutto quello che c’è da fare, non si farebbe mai notte
  •  

  • Guerda che strasnarèla (disordine) ad roba t’è lass in gir. Se an tò de cara (togliersi di torno) a t’ariv s’na ciavatèda
    Guada che disordine di cose hai lasciato n giro, se non ti togli di torno ti dò una ciabattata
  •  

  • Un gnè sabata senza sol, un gnè dona senza amor
    Non c’è sabato senza sole, non c’è donna senza amore

 

 

 

A.F. “Sapori e colori del nostro dialetto di A.F.”
La Piazza di Rimini – Giornale di Cattolica, Dicembre 2007
(Foto – Archivio fotografico Centro Culturale Polivalente di Cattolica)