Richiedi gratis un preventivo

T’è fèma? Taite’na mèna!

Marinai - Cattolica 1951

 

  • “T’è fèma? Taite (tagliati) ‘na mèna!” – Chissà perché i giva i sé – Nu s-ciarvelte tènt, forse l’era sno ‘na rima sèpa (sciocca)
    “Hai fame? Tagliati una mano” – Chissà perché dicevano così – Non scervellarti tanto, forse era solo una rima sciocca
  •  

  • Bsogna cal mèta al cor in pèsa. L’ha voja andè su e giù pli rudaj (rotaie-strada), mo ma quèla an ti ariv mai
    Bisogna che metta il cuore in pace. Ha voglia di andare su e giù per la strada, tanto a quella non ci arrivi mai
  •  

  • Dat ‘na radanèda! Sa tutt cli robie sbartavledie (molto larghe) che li va da tutt i chènt, tz’é sempre tuta smanèda (sfasciata) cume un fass (fascio-fascina) mal lighèd. An t’è un spècc ma chèsa?…
    Datti una sistemata! Con tutti quei vestiti molto larghi che vanno da tutte le parti, sei sempre tutta sfasciata come una fascina legata male. Non hai uno specchio in casa?..
  •  

  • A st’el a santì l’ha più mel lu che nè al sumar ad Scaja. Ma sa tutt i su mel e i su lagn, l’ha pass da un pèzz i nuventan e l’ha bèla mand su ma tutt i su cumpagn
    A starlo a sentire ha più mali lui che il somaro di Scaja. Ma con tutti i suoi mali e i suoi lamenti, ha superato da tempo i 90 anni e ha visto morire tutti i suoi compagni
  •  

  • A m’aracmand, dai ‘na bèla ztireda perché cume li sartorie li dis: al fèr da ztir l’è al rufièn dal vistid
    Mi raccomando, dagli una bella stirata, perchè come dicono le sarte: il ferro da stiro è il ruffiano del vestito
  •  

  • L’è un bèl faquajuncin (furbastro-approfittatore), al va mal mulén sli spalie d’ielt
    E’ un bel furbastro, va al mulino con le spalle degli altri
  •  

  • L’aveva cménc dgènd (dicendo): a so a cavall ad du cavall, an ho più bsogn ad gnint e ad nisun. L’ann dop l’era pin ad debte cume San Lazara ad bdocc. Chi fussa bols i du cavall?…
    Aveva iniziato dicendo: sono a cavallo di due cavalli, non ho più bisogno di niente e di nessuno. L’anno dopo era pieno di debiti come San Lazzaro di pidocchi. Che fossero bolsi i due cavalli?…
  •  

  • Sa té burdèl un s’arèss a dè al rest. Guerda cum tz’è ardut. Cus t’è fatt i rughle tla lèca (fango)? At mitrò a moll t’un mastèl si pagn e tutt
    Con te bambino non si riesce a dare il resto. Guarda come ti sei ridotto. Cosa hai fatto i ruzzoloni nel fango? Ti metterò a mollo nel mastello vestito
  •  

  • Ma lassme magnè stal mors (boccone) in pèsa! A m’avì stuff tutt quant a si. Ho ‘na voja da ‘na volta a cl’elt a dè la mola mal carett…
    Lasciami mangiare questo boccone in pace! Mi avete stancato tutti quanti. Ho una voglia da una vola all’altra di mollare tutto
  •  

  • A facc cume la nona quand la s’era stufa d’arcuntè la fola: “U j’era ‘na volta Becarivolta al ciapa la sportla e via ch’us ni va”
    Faccio come la nonna quando si era stancata di raccontare la favola: “C’era una volta Becarivolta prende la sporta e via che se ne va”

 

A.F. “Sapori e colori del nostro dialetto di A.F.”
La Piazza di Rimini – Giornale di Cattolica, Giugno 2008

(Foto – Cattolica 1951 – Archivio fotografico Centro Culturale Polivalente di Cattolica)