Richiedi gratis un preventivo

St’è tutt vrucéd, cus t’è i gajun?

Pescatori

 

  • St’è tutt vrucéd (molto coperto – Avvolto), cus t’è i gajun (orecchioni)?”
    Sei tutto coperto, cos’hai gli orecchioni?
  •  

  • Biènca, rossa, vérda e zala, al po cambiè camisa quant al vo, ma la chèrta andù che u j’è stè al pévara l’an pérd mai cl’udor
    Bianca, rossa, verde e gialla, può cambiare camicia quanto vuole, ma la carta dove c’è stato il pepe non perde mai quell’odore
  •  

  • Se an tal vo ciud da fatt, almènch ténle batud so (accostato) cal purtonzén (portoncino) – L’è sempre vért sbranchèd. Ogigiorne fidéss l’è bén, nu fidéss l’è mèj
    Se non lo vuoi chiudere del tutto, almeno tienilo accostato quel portoncino – E’ sempre completamente aperto
  •  

  • A sarò malégna, ma se al bon dé us véd a la maténa, cla burdlèta un po’ tropp spirlimpimpéna (molto vivace) l’an mi dà un gran bèl véda
    Sarò maligna, ma se il buon giorno si vede dal mattino, quella bambina troppo vivace non mi dà un gran bel vedere
  •  

  • Sota i récc u j’è i caprécc
    Ogni récc l’è un caprécc
    I récc dla coppa (nuca) i fa irvì la boca 

    Sotto i ricci ci sono i capricci
    Ogni riccio è un capriccio
    I ricci della nuca fanno apri re la bocca (nel senso che tirandoli si prova dolore)

     

  • Um s’è sfond la canarècia, la péssa acqua da tutt i chènt. Sal fusa stè ‘na volta avresme ciamè ma Cinciaca. Adess va a savé ma chi ciamè… booh?
    Mi si è sfondata la grondaia, piscia acqua da tutte le parti. Se fosse stato una volta avremmo chiamato Cinciaca. Adesso va a sapere chi chiamare… booh? (Cinciaca era il soprannome di Lazzari Ezio, idraulico e stagnino dagli anni ’40 ai ’70)
  •  

  • At sta chèsa chi ha più giudizie di tutt l’è la palèta…
    In questa casa chi ha più giudizio di tutti è la paletta
  •  

  • L’è un menefreghésta ad prima riga, par lu pégra nira, pégra biènca, chi mor mor, chi chèmpa chèmpa
    E’ un menefreghista di prima riga, per lui pecora nera, pecora bianca, chi muore muore chi campa campa
  •  

  • Ddis da bon che la paghè lu? T’vidrè che dmèn al farà la néva rossa
    Dici davvero che ha pagato lui? Vedrai che domani farà la neve rossa
  •  

  • La s magna sa j abre, l’è tenera come la giunchéglia. T’è santì che roba sta pasticeda?… L’ha un sapor da fè rvivì un mort
    Si mangia con le labbra, è tenera come la giunchiglia. Hai sentito che roba questa pasticciata?… Ha un sapore da far resuscitare i morti
A.F. “Sapori e colori del nostro dialetto di A.F.”
La Piazza di Rimini – Giornale di Cattolica, Marzo 2008
(Foto – Archivio fotografico Centro Culturale Polivalente di Cattolica)