Richiedi gratis un preventivo

Mé, cume al giva San Francesch, a ciap la vita cum la vén

Cattolica anni '50 - Foto ricordo a bordo del motopeschereccio "Sandro"

Cattolica anni ’50 – Foto ricordo a bordo del motopeschereccio “Sandro”
Da sinistra: Aldo Cervesi “Fafela”, Antonio Casali “Topi”, Mario Prioli “Patalnon”, Luigi Leardini “Mantin”

 

  • “Mé, cume al giva San Francesch, a ciap la vita cum la vén, a facc tutt pèn e pèss frétt, e i guai ai lass mai purétt” – “San Francesch, verament, an giva propria i sé…”
    “Io, come diceva San Francesco, prendo la vita come viene, faccio tutto pane e pesce fritto, e i guai li lascio ai poveri” – “San Francesco, veramente, non diceva proprio così…”
  •  

  • Finché u j è stè da moinle (mungerlo), la j ha fatt blén blén sa méla muinie (moine). Quand l’è rmast quasi spluch (spoglio), la j ha dè la streda da curr. Sno che lu adèss a curr un gni la fa più
    Finché c’era da mungerlo, gli ha fatto bellino bellino con mille moine. Quando è rimasto spoglio gli ha dato la strada da correre. Solo che lui adesso non ce la fa più a correre
  •  

  • Té t’zé bléna adess! Zcap sempre fora dop la piova cume li lumégh…
    Tu sì che sei bellina adesso! Esci sempre fuori dopo la pioggia come le lumache…
  •  

  • Dai un taj ma quel cal dis. L’è un papulon (racconta frottole) ad prima riga, u li studia ad nota pri arcuntelie al dé. An t véd, l’ha du occ da busèrd cal brusa!
    Dagli un taglio a quello che dice. E’ un racconta frottole di prima riga, le studia di notte per raccontarle di giorno. Non vedi, ha due occhi da bugiardo che brucia!
  •  

  • Ho di brilùn (giramenti) ad testa, a sgambarègg (barcollo) cume ‘na zula (trottola) senza broca (chiodo a testa larga che la tiene in equilibrio)
    Ho dei giramenti di testa, barcollo come una trottola senza chiodo
  •  

  • “Cal burdèl al fa ‘na pistarèla (calpestio), uj scaparà da psé” – “Na, u l’ha fata da poch” – “L’è li stèss, al burdèl sèn l’ha da psé spèss cume un chèn”
    “Quel bambino fa un calpestio, gli scapperà da pisciare” – “No, l’ha fatta da poco” – “E’ lo stesso, il bambino sano deve pisciare spesso come un cane”

 

A.F. “Sapori e colori del nostro dialetto di A.F.”
La Piazza di Rimini – Giornale di Cattolica, Aprile 2009

(Foto – Archivio fotografico Centro Culturale Polivalente di Cattolica)