Richiedi gratis un preventivo

Marano – E’ fiòm

Rondini alla foce del Marano

MARANO – E’ FIÒM

di Lidiana Fabbri

 

E stà zét, tra la canézza e marugounagl’aqui tranqueli, mègri d’instèda.

Cum’è una béssa e’ corr zó te’mèr

i chènta i ràz tra i rem.

 

U i è masèd tra i sas, i fàt antigh,

i barbotla i pènsier dla zènta

tla memoria.

 

E’ fióm, l’ha santì

e’ tunè di’ canoun

l’ha vést al maciri dla guèra.

 

E’ fióm e’sta zét

tla su’ cónna, u s arcorda

la musica d’nà volta,

cla fisarmonica la tajeva e’ còr.

 

A l burdèli al ciarchiva e’ murós

una scrichèda tra un bàl e cl’élt

tra i canadà e i tamari?

u s balèva sla sponda de’fióm.

 

E’ stà zét, e’ fióm

cu m’è un vèc sla berba biènca

e’ guerda i fàt dàtonda.

 

La pasa l’aqua sótta e’ pont

dèntra al paroli dal filastrochi

cu m’al fòli, li n si po’zcurdè.

 

E fióm e’ sta zét, e’ stréssa tra e’ ciàs

dal machini d’òz dé

e’ rimbomb dl’aparecc te’ciel.

 

Dèntra e’ cuerc turchin

i zira e i rizira i rundòun

al chénta al zghèli vagabondi

i corr i burdèll drì me’ palòun.

Tace, tra il canneto e le acaciele acque placide, magre d’estate.

Come una biscia si stende verso il mare

cantano gli uccelli tra i rami.

 

Sono nascosti tra i sassi, i ricordi antichi

borbottano i pensieri della gente

nella memoria.

 

Il fiume ha udito

tuonare i cannoni

ha visto le macerie della guerra.

 

E il fiume tace

nel suo letto c’è il ricordo

di una melodia del passato

di una fisarmonica struggente.

 

Le ragazze cercavano il moroso

una stretta tra un ballo e l’altro

sotto i pioppi e le tamerici

si ballava sulla sponda del fiume.

 

E il fiume tace

come un vecchio dalla barba bianca

guarda gli avvenimenti attorno.

 

L’acqua passa sotto il ponte

dentro le parole delle sue filastrocche

come le favole non si possono dimenticare.

 

E il fiume tace e scivola tra il chiasso

delle automobili di oggi

e il rimbombo degli aerei nel cielo.

 

Dentro la cupola turchina

girano e rigirano i rondoni

cantano le cicale vagabonde

corrono i bimbi dietro al pallone.

 
La Piazza della Provincia – Ottobre 2011
Giornale di Coriano – Monte Colombo – Montescudo