Richiedi gratis un preventivo

Li botie dal marid l’è li campèn dal Paradis

Giovani al mare

Cattolica fine anni ‘40. Fotoricordo di amici sulla spiaggia.
In basso da sinistra: Franco Fumelli, Bastia Fello, Attilio Talacchi “Tilin”.
Al centro da sinistra: Rina Benvenuti “Cigona”, Carlo Angelini, Michele Bertozzi.
In alto al centro: Liliana Morosini “Cinela”.

 

  • Li botie (botte – picchiare) dal marid l’è li campèn dal Paradis (cuntent leia… cuntent tutt)
    Le botte del marito sono le campane del Paradiso (contenta lei… contenti tutti)
  •  

  • Us magna quel che u s’ha e la moda cum la va
    Si mangia quello che si ha, ma alla moda non si rinuncia
  •  

  • Arduste, dat ‘na mosa, t’zé più longh dla mèsa canteda
    Datti una mossa, sei più lungo della messa cantata
  •  

  • U m’ha tnù in blènza (in sospeso) fina a t l’ultme pri dim pu ad na. I sé bonanota e grazie, ho pérs capèla e benefizie
    Mi ha tenuto in sospeso finno all’ultimo per poi dirmi di no. Così buonanotte e grazie, ho perso cappella e benefici
  •  

  • La Pifania tutt li fèst la porta via, la li mètt in t’una cassa, l’an li irva fina a Pasqua
    L’Epifania tutte le feste porta via, le mette in una cassa, non la apre fino a Pasqua
  •  

  • An t’è un minut ad pèsa, c’us t’è al pevara mal cul?
    Non hai un minuto di pace, cos’hai il pepe nel sedere?
  •  

  • Guerda che la pacénza l’ha al manghe léss (liscio-scivoloso), se an tla smètt at ariv sal manghe dla spazadura (scopa)
    Guarda che la pazienza ha il manico liscio (che scivola in fretta), se non la smetti ti arrivo col manico della scopa
  •  

  • Mé la mi galéna a l’ho vù, prima chi m’arciapa! Adess va olta té a ciapè la tua…
    Io la mia gallina l’ho avuta, prima che mi riprendono! Adesso vai oltre tu a prendere la tua…
  •  

  • “La è pina ad semula (lentiggini) tla facia, l’ha davé la pèla dilichèda” – “Us sént che t’zé civil (educato), nun più ruzz (rozzi) a gin (diciamo): s véd che una scrova (scrofa) la j’ha scurzè tal mus”
    “E’ piena di lentiggini in faccia, deve avere la pelle delicata” – “Si sente che sei educato, noi più rozzi diciamo: si vede che una scrofa gli ha scoreggiato nel muso”
  •  

  • Quel c’an sucéd in cent’an al pò sucéd t’un dé. E intènt… chèmpa caval che l’erba la crès
    Quello che non succede in cent’anni può succedere in un giorno. Intanto… campa cavallo che l’erba cresce

 

A.F. “Sapori e colori del nostro dialetto di A.F.”
La Piazza di Rimini – Giornale di Cattolica, Gennaio 2008

(Foto – Archivio fotografico Centro Culturale Polivalente di Cattolica)