Richiedi gratis un preventivo

L’è mèj du garnèl ad ris tutt i dé, che una pugnéda tutt ‘na volta

Equipaggio Motopeschereccio "Non Ti Arrabbiare" Capitano Novario Galli

Cattolica, 1949 – Equipaggi dei motopescherecci “Bula” e “Annunziata”.
Prima fila in alto da sinistra: Alfiero Lorenzi, Onelio Casali, Antonio Marchini, Nunzio Gili (Bisén),
Cesare Francolini (Giarén), Gino Pozzi (Murlén), Remo Ercoles, Giacomino Mariotti,
Giuseppe Casali (Ione – con in braccio la figlia Giuliana).
In basso al centro, da sinistra: Cesare Gili, Amedeo Del Prete (Piragna), Antonio Casali (Topi).

 

  • L’è mèj du garnèl (chicchi) ad ris tutt i dé, che una pugnéda (pugno-manciata) tutt ‘na volta – Boh! to là to qua, un mi pèr c’ui sia da stè tènt alégre.
    E’ meglio due chicchi di riso tutti i giorni, che un pugno-manciata tutto in una volta – Boh! prendi là prendi qua, non mi pare che ci sia da stare tanto allegri.
  •  

  • Am gi (mi dite) sempre ca so indré cume al birèll (perno) dal brocc (barroccio). Ma anche vujèlt ch’andè sempre ad cursa sla lengua ad fora cume Buznèt, uv pèr da vé fatt un gran ciap?
    Mi dite sempre che sono indietro come il perno del barroccio. Ma anche voialtri che andate sempre di corsa con la lingua fuori come ‘Buznèt’, vi pare di avere fatto una gran scelta?
  •  

  • Adess an ho santì un’ènta: i m’ha détt che i t’ha vést a mètt i ciod sota al treno. Té fiol t’mi fè mètt i cavéll canud (capelli bianchi) prima dal temp. Mo mé an voj più bacilé (preoccuparmi) tènt: o at mand ti déscule (riformatorio) a Curien o fora sli pégre sal pigurèr ad Murcèn. Adess capa té.
    Adesso ne ho sentita un’altra: mi hanno detto che ti hanno visto a mettere i chiodi sotto il treno. Tu figliolo mi fai mettere i capelli bianchi prima del tempo. Io non voglio più preoccuparmi tanto: o ti mando nel riformatorio di Coriano o fuori con le pecore col pecoraio di Morciano. Adesso scegli tu
  •  

  • Andù che u la ha trova isé picigagnula (piccola), da nun l’an gn’éra un po’ mej? – Arcorte che tla bota znéna uj sta al vén bon – Boh! s’ved che ma lu al vén u j’ha da piés un gran bèl po!
    Dov’è che l’ha trovata così piccola, da noi non c’era un po’ meglio? – Ricordati che nella botte piccola ci sta il vino buono – Boh! si vede che a lui il vino gli piace un gran bel po!
  •  

  • Tl’è sbudlé (maglietta e camicia che escono dalla cintola) tutt ma cal burdèl, nu sbatòcle (sbatacchiare) più che uj ven i vérmne. Almènch isé la giva la mi nona Bigina (Luigina) – Um dispiés par lèa, ma i vérmne i vniva pri qualcos’èlt…
    L’hai quasi svestito quel bambino, non sbatocchiarlo più che gli vengono i vermi. Almeno diceva così la mia nonna Luigina – Mi dispiace per lei, ma i vermi venivano per qualcos’altro…
  •  

  • L’è tutt robie all’impressa (fatte di fretta) e alla brusuà (pressapochiste), fatie più per imbianchè j’occ che èlt. E dop in s’po lamantè sli dura sno da Nadèl a San Stéfne
    Sono tutte cose di fretta e pressapochiste, fatte più per imbiancare gli occhi che altro. E dopo non ci si può lamentare se durano solo da Natale a Santo Stefano (dal 25 al 26 dicembre)
  •  

  • Al spend al spand, l’è un che mai sold uj dà un bèl gir. Prega pu ma Santa Dura, fin che u j’è al vérd u j’è frescura. Ma… durarala Pirinén?!?
    Spende e spande, è uno che ai soldi gli dà un bel giro. Prega pure Santa Dura, finché c’è il verde c’è frescura. Ma… durerà Pirinén?!?
  •  

  • J’aveva rason i nost vècc quand i giva che per la pèsa (pace) dla famèja, quand l’om l’èlza la vosa, la dona l’ha da stè bona e zéta e t’un canton a fè la calzèta…
    Avevano ragione i nostri vecchi quando dicevano che per la pace della famiglia, quando l’uomo alza la voce, la donna deve stare buona e zitta e in un angolo a fare la calza…
  •  

  • Ma da bon da bon, l’è mej t’mi facia un lundé. Guèrda che an sin più ai tempi quando Berta filava e la dona l’èra dl’om la sua schiava. Adèss tira un’ènt èria e forse la calzèta us tucarà fèla ma nun
    Ma lascia perdere, è meglio che tu mi faccia un lunedì. Guarda che non siamo più ai tempi di quando Berta filava e la donna era la schiava del suo uomo. Adesso tira un’altra aria e forse la calza toccherà farla a noi

 

A.F. “Sapori e colori del nostro dialetto di A.F.”
La Piazza di Rimini – Giornale di Cattolica, Luglio 2008
(Foto – Archivio fotografico Centro Culturale Polivalente di Cattolica)