Richiedi gratis un preventivo

L’ha butt di lèmp che in m’ha pisù

Cattolica, primi anni '40 - Fotoricordo sul pontile davanti all'hotel Kursaal - Da sinistra: Mario Patrignani Pateda, Mario Paolucci Mario d'la Marietta, due turiste (in basso), Elvino Galluzzi

 

  • L’ha butt di lèmp (segnali) che in m’ha pisù; avria chèra (piacere) d’un s-ciarimént. Ma avé a che fè sa lu l’è un murì d’acidént: al sguéla sempre via cume un’anguéla
    Ha lanciato dei segnali che non mi hanno piaciuto; avrei piacere di un chiarimento. Ma avere a che fare con lui è un morire di accidente: scivola sempre via come un’anguilla
  •  

  • An è tutt or quel cal lus. L’è ‘na bizoca (bigotta) fèlsa, la fa più facie lèa che nè al garbén
    Non è tutto oro quel che luccica. E’ una bigotta falsa, fa più facce lei che il garbino
  •  

  • “Tira olta cla tenda che u j’è un sulustre (riverbero di sole) che u m’imbarbaja (abbaglia) la vésta” – “L’éra mej se t-tirév olta la tenda quarant’ann fa, quand t’zé fata imbarbajè da la ciacara ad cal farfalon dal tu marid”
    “Tira oltre quella tenda che c’è un riverbero di sole che mi abbaglia la vista” – “Era meglio se tiravi oltre la tenda quarant’anni fa, quando ti sei fatta abbagliare dalla chiacchiera di quel farfallone di tuo marito”
  •  

  • Andu t’è tolt sti puracie? L’è tutt cozle (cocciole) senza zgatle (parte polposa), e se u j’è, l’è tutt arcig-lid (rinsecchita)
    Dove hai preso quelle vongole? Sono tutte cocciole senza la parte polposa, e se c’è, è tutta rinsecchita
  •  

  • L’è ad chi bagiun (furbastro) ad boca lèrga chi prumett mari e monti, e a la fin conta conta, it dà da pluché (piluccare) j oss dla pulenta
    E’ di quei furbastri dalla bocca larga che promettono mari e monti, e alla fine conta conta, ti danno da piluccare gli ossi della polenta
  •  

  • Burdèll dense(diamoci) una mossa, i ché a sin incajèd (incagliati) cume la Simbria, che quand la fèva l’erba la era sempre a pèr dal figh
    Ragazzi diamoci una mossa, qui siamo incagliati come la Simbria, che quando faceva l’erba era sempre in linea col fico (non andava mai avanti)
  •  

  • L’è un furb che al sta zétt e al fa al fatt suv senza guardè in facia ma nissun. L’è un, cum us dis, che al magna al fogh e al chèga la cenara
    E’ un furbo che sta zitto e fa i fatti suoi senza guardare in faccia a nessuno. E’ uno, come si dice, che mangia il fuoco e caga la cenere
  •  

  • Smett da fè cal viol (lagna). Al sarà al garbén, ma ogg um dà uzz (fastidio) anche la mi ombra
    Smettila di fare quella lagna. Sarà il garbino, ma oggi mi dà fastidio anche la mia ombra
  •  

  • Ormai t’zé zfata (distrutta) sempre a scuvciun (chinata) sora chi libre. Scapa (esci) ‘na muliga, va a ciapè un po’ d’eria. Mej un sumar viv che un dutor mort
    Ormai sei distrutta sempre chinata sopra quei libri. Esci un poco, vai a prendere un po’ d’aria. Meglio un somaro vivo che un dottore morto
  •  

  • Ztè tutt sbandunèd (sbattuto), cus t’è fatt? T’mi pèr chi mulitun (moletti) d’Ancona tutt smulachèd (flaccido)
    Sei tutto sbattuto, cosa hai fatto? Mi sembri quei moletti di Ancona tutti flaccidi

 

A.F. “Sapori e colori del nostro dialetto di A.F.”
La Piazza di Rimini – Giornale di Cattolica, Ottobre 2008

(Foto – Archivio fotografico Centro Culturale Polivalente di Cattolica)