Richiedi gratis un preventivo

Guerda té quand al dievle uj vo mett la coda

Cattolica, primi anni ‘50, Caffè Concerto Roma.

Cattolica, primi anni ‘50, Caffè Concerto Roma.
Da sinistra: Lucio Berger (Maracas), Nello di Pesaro (chitarra),
Renato Sarti (cantante), Sergio Imola (batteria).
Al centro: Luciano Gennari (fisarmonica).

 

  • Guerda té quand al dievle uj vo mett la coda, chissà andù c’a l’avrò s-ciafa (messa-collocata)
    Guarda te quando il diavolo ci vuole mettere la coda, chissà dove l’avrò messa
  •  

  • “Al dievle l’insegna a rubè ma non a masè” – “Ciò bléna, sa tutt i tu détt t’zé ‘na bèla lapa (noiosa)
    “Il diavolo insegna a rubare ma non a nascondere” – “Senti carina, con tutti i tuoi detti sei proprio una bella noiosa”
  •  

  • L’ha ‘na banda (cattivo odore) stal pèss, quant dé ch l’ha? “An t’zént, l’è al pèss dla prima calèda”
    Ha un cattivo odore questo pesce, quanti giorni ha? – “Non senti, è il pesce della prima calata”
  •  

  • “Al sarà anche dla prima, bsogna véda quand la è stè fata la sgonda…”
    “Sarà anche della prima, bisogna vedere quando è stata fatta la seconda…”
  •  

  • T’mi stè sempre sora sal fucil spianed; sta ‘ténti che se um selta al sghiribézz (il nervoso) at lass tutt ni co in band (mollare tutto)
    Mi stai sempre sopra col fucile spianato; stai attenti che se mi innervosisco mollo tutto
  •  

  • Bsogna dè temp mal temp senza avé prèssa, tènt us sa che dop i fugh al vén la banda
    Bisogna dare tempo al tempo senza avere fretta, tanto si sa che dopo i fuochi viene la banda (le cose si succedono con un loro ordine)
  •  

  • L’aveva al mèl dla furmighina, l’ha sempre cerch da risparmiè al centesme pri mett da banda (da parte) pla su vciaia – “Purèta, sno che l’an gn’è arvata”
    Aveva il male della formichina, ha sempre cercato di risparmiare il centesimo per metterlo da parte per la sua vecchiaia – “Poveretta, solo che non ci è arrivata”
  •  

  • Quand i steva mal Gazometre (oggi piazza Mentana) dré al Lavadur (Lavatoio), a fèmie pèrta dla stessa banda (gruppo-combriccola). Dop quand j’è ‘ndè stè da li bandie (dalle parti) i là vers al Pladur (Mattatoio – Violina) as sin pérs ad vésta
    Quando abitavano al Gazometro dietro al Lavatoio, facevamo parte della stessa compagnia. Dopo quando sono andati ad abitare dalle parti del Mattatoio ci siamo persi di vista
  •  

  • L’è at chi calculador chi sta sempre da la banda di btun (bottoni). Sta pu sigur che i casca sempre in pid
    E’ di quei calcolatori che stanno sempre dalla parte dei bottoni (dalla perte del sicuro). Stai pur sicuro che cadono sempre in piedi
  •  

  • Bonanota i sunadur, taca banda e zu al telun (sipario)
    Buonanotte ai suonatori, taca banda e giù il sipario
 

A.F. “Sapori e colori del nostro dialetto di A.F.”,
La Piazza di Rimini – Giornale di Cattolica, Agosto 2008
(Foto – Archivio fotografico Centro Culturale Polivalente di Cattolica)