Richiedi gratis un preventivo

Ca vaga a chesa

Marinai - Cattolica metà anni '30

 

  • Ca vaga a chesa, ho al mi marid tal lèt sla ‘rtrosi lombarda – “Mo sta lombarda cla sta tal lèt sal tu marid, chi èla? Um pèr ca siva dvént tutt matt!”
    Devo andare a casa, ho mio marito nel letto con l’artrosi lombare – “Mo questa lombarda che sta nel letto col tuo marito, chi è? Mi sembra che siate diventati tutti matti!”
  •  

  • Perché tn’è cott i sé poch? Quest o gnint a sin parent
    Perché ne hai cotti così pochi? Questo o niente sono parenti
  •  

  • Ma la Simbrìa j’aveva détt da mètt su du fasol, e lèia la n’aveva cott du ad numara. Té t’è fatt un pressapoch
    Alla Simbrìa avevano detto di mettere su due fagioli e lei ne aveva cotti due di numero. Tu hai fatto pressapoco così
  •  

  • Al bsèva cume al piomb. Am so rott al fil dla schina pri trél (tirarlo) su – “T pudév fèt aiuté dal tu anvod (nipote) cla du spallie cume un’armerie. Cus t’avev paura da sbrichél?” (sbreccarlo)
    Pesava come il piombo. Mi sono rotto la spina dorsale per tirarlo su – “Potevi farti aiutare da tuo nipote che ha due spalle come un armadio. Cosa avevi paura di sbreccarlo?
  •  

  • Osta che amich! Ut dà al miél ma la boca e al rasor (rasoio) ma la gola
    Osta che amico! Ti porta il miele alla bocca e il rasoio alla gola
  •  

  • L’altridé an ho santì un ènta: “Mèj avé un chèn amich che un amich chèn”
    L’altro giorno ne ho sentita un’altra: “Meglio avere un cane amico che un amico cane”
  •  

  • Tutt al mond l’è paes: “Maza maza a sin tutt d’na raza”
    Tutto il mondo è paese: “Ammazza ammazza siamo tutti di una razza”
  •  

  • T’maravei perché an so stè a magnè da lor? Mé a sarò anche s-ciumosa (schizzinosa), ma at chesa sua mé a so schiva anche a metme da séda
    Ti meravigli perché non sono restata a mangiare da loro? Io sarò anche schizzinosa, ma a casa sua io ho schifo anche a mettermi a sedere
  •  

  • Al pruvérbie al dis che: “La s-ciopa e la moj l’in s’impresta mai”. Mo a dila tutta, anche pri impristè i sold un gnè un gran sbutt
    Il proverbio dice che: “Il fucile e la moglie non si prestano mai“. Mo a dirla tutta anche per prestare i soldi non c’è un grande entusiasmo
  •  

  • Adess l’è inutile a piegn dop che al latt l’è già vont. A l’ho sempre détt che la testa l’an è fata sno pri téna su li urècie, bsogna savéla anche duvrè
    Adesso è inutile piangere dopo che il latte è uscito fuori. L’ho sempre detto che la testa non è fatta solo per tenere su le orecchie, bisogna anche saperla adoperare.

 

A.F. “Sapori e colori del nostro dialetto di A.F.”
La Piazza di Rimini – Giornale di Cattolica, Maggio 2008
(Foto – Cattolica metà anni ’30 – Archivio fotografico Centro Culturale Polivalente di Cattolica)