Richiedi gratis un preventivo

Am stiméva, um paréva d’avéj fatt un bèl cadò

Giovani

Cattolica 1929. Fotoricordo di podisti della Polisportiva Robur davanti al Municipio.
Da sinistra: Mario Tombari (Ranzon), Mario Patrignani (Patèda),
Guelfo Giulietti, Giuseppe Paolucci (Usaf), Dino Mazzocchi

 

  • Am stiméva, um paréva d’avéj fatt un bèl cadò (regalo), invece u m’ha tratè a coda ad chèn (trattato male) cume se a j’avésa fatt un rugh (fascio di rovi) mal cul
    Mi stimavo, mi pareva di avergli fatto un bel regalo, invece mi ha trattato molto male, come se gli avessi strofinato il sedere con un fascio di rovi
  •  

  • Osta che cadò t m’é fatt! T’zarè fatt mèl! Quest l’è come al rigal cl’ha fatt mèrz ma avril
    Osta che regalo mi hai fatto! Ti sarai fatto male! Questo è come il regalo che ha fatto marzo ad aprile (sostanzialmente niente, anzi…)
  •  

  • I la cèma la Zvana dal Sbaj perché l’ha cal fiol avud ad sguaraguai. Purètt, la miseria a stuff i ‘n’ha vù fin chè i n’ha vlu
    La chiamano la Giovanna dello Sbaglio perché ha quel figlio avuto di straforo (fuori dal matrimonio). Poveretti, hanno patito tanta miseria
  •  

  • L’è un zovne antigh, al sifés-cia (sibilante)un po’, ma an è schèlz dal tutt. L’andria propria bén par lèa. Uj si pudria fè ‘na rufianèda
    E’ uno scapolo di una certa età, e ha una esse un po’ sibilante, ma non è del tutto sprovveduto (anche economicamente). Andrebbe proprio bene per lei. Le si potrebbe fare una ruffianata
  •  

  • Ho lett un libre che u m’ha fatt sblighé dal rid – Mé invece ho un libre che quand al legg un scapa da piegn. L’è al libre di debte
    Ho letto un libro che mi ha fatto sbillicare dal ridere – Io invece ho un libro che quando lo leggo mi viene da piangere. E’ il libro dei debiti
  •  

  • Ancora in è vnu d’ov (non maturi), ma sal témp e tla paja li nèspule li s matura
    Ancora non sono maturati, ma col tempo e nella paglia le nespole si maturano
  •  

  • Chi la vo lèss, chi la vo arost, chi la vo cota, chi la vo cruda… Burdèll, al savì cus av dégh? Andè a tov in tè sach tutt quant a si!
    Chi la vuole lessata, chi la vuole arrosto, chi la vuole cotta, chi la vuole cruda… Ragazzi, lo sapete cosa vi dico? Andate a prenderla nel sacco tutti quanti
  •  

  • “Un ba al fa pri cént fiol e un fiol an fa per un ba” – Dipènd! Déta da lu che a n’ha mai fatt gnint in vita sua, l’è ‘na barzalèta ch’la fa s-ciupè pri rid
    “Un padre fa per cento figli e un figlio non fa per un padre” – Dipende! Detto da lui che non ha mai fatto niente nella sua vita, è una barzelletta che fa scoppiare da ridere
  •  

  • L’è bon cume un pèzz ad pèn. Però quand ujciapèva al réfule al fèva ‘na bufatèra da fè paura. L’ha ‘na forza cume un bov
    E’ buono come un pezzo di pane. Però quando gli prendeva lo scatto da matto aveva dei comportamenti molto alterati da fare paura. Ha una forza come un bue
  •  

  • Dis che a séra dvent zall cume al mort. Cert ho pass un bèl spaghètt, a cred che am l’arcurdarò fin che a chèmp
    Dicono che ero diventato giallo come il morto. Certamente ho preso un bel spaghetto (paura), credo che me lo ricorderò fin che vivo

 

A.F. “Sapori e colori del nostro dialetto di A.F.”
La Piazza di Rimini – Giornale di Cattolica, Febbraio 2008
(Foto – Archivio fotografico Centro Culturale Polivalente di Cattolica)