Richiedi gratis un preventivo

Am so dè da torne un mignìn, …

Marinaio

 

  • Am so dè da torne un mignìn (molto), ma tistèrd cum j’è, nissun di du l’avlù fè al prim passa. A la fin am so duvù arènd e a j’ho mand a mazza lor e la su cuciùda razza.
    Mi sono dato da fare molto, ma testardi come sono, nessuno dei due ha voluto fare il primo passo. Alla fine mi sono dovuto arrendere e li ho mandati al diavolo insieme alla loro razza cocciuta.
  •  

  • Ho fatt la figura dl’avuchèd dli chèuse pérsie, che il ciamèva Znov perché an aveva mai vint (usato col doppio senso: vinto e venti).
    Ho fatto la figura dell’avvocato delle cause perse che lo chiamavono Diciannove perché non aveva mai vinto
  •  

  • A sin lèst adèss, a si spicén qualche volta sa cla voja ad zcur che la j’ha. La è pègg ad quel dli sett bonanotie.
    Adesso siamo lesti, ci spicciamo qualche volta con la voglia di parlare che ha. E’ peggio di quello delle sette buonanotte
  •  

  • Pitrén: “Diretor, lu sla su bènca un m’amazza, u m’assasséna”. L’è vnù fatt cum l’èra stè détt, Pitrén e la su baracca j’è ‘ndè fni a gambrétt (gambe all’aria).
    Pietro: “Direttore, lei con la sua banca non mi ammazza, mi assassina”. E’ accaduto come era stato detto, Pietro e la sua azienda sono finiti a gambe all’aria
  •  

  • Occ fin al véd longh; i lé la stalia (posto agiato) la è bona, u j’è da fè bén da fatt.
    Occhio fino vede lontano; lì il posto è buono, c’è da fare molto bene
  •  

  • Lèvte bin bén, nu fa cume li putènie ad Snigaja che li mitiva al blètt (belletto) pri masè la scaja.
    Lavati bene, non fare come le prostitute di Senigallia che mettevano il belletto per nascondere lo sporco
  •  

  • Ma té ut fa gozz (gola), ma mé invece um vén da buté fora. An t’véd che razza ad stroff (bocconi) al manda giù? L’ha da vé al garnagozz (gargarozzo) cume ‘na canarecia.
    A te fa gola, a me invece mi fa vomitare. Non vedi che razza di bocconi manda giù? Deve avere un gargarozzo come una grondaia
  •  

  • Chi l’ha tusè ma cal burdèl? An t’è vést cume i l’ha castrè? J ha fatt più scalén che nè la schèla sènta.
    Chi ha tagliato i capelli a quel bambino? Non hai visto come l’hanno castrato? Gli hanno fatto più scalini che la scala santa
  •  

  • Cla sgnafladéna (col naso schiacciato) l’è ‘na mulìga ad roba quante gnint, ma tutta pévara, sa du occ che i fora cume du puntie ad spéla.
    Quella bambina col naso schiacciatino è una mollica di roba (molto minuta), ma tutta pepe, con due occhi che forano come due punte di spillo
  •  

  • Tra chè l’an mi gira pri gnint, té t’è voja anche ad smènie (di storie); prima che a t’ariva sna toza (scapaccione) schèvte de cara per piasér.
    Già che non mi gira per niente, tu hai anche voglia di storie; prima che ti arrivi con uno scapaccione, togliti dai piedi per favore

 

A.F. “Sapori e colori del nostro dialetto di A.F.”
La Piazza di Rimini – Giornale di Cattolica, Settembre 2008
(Foto – Archivio fotografico Centro Culturale Polivalente di Cattolica)