Richiedi gratis un preventivo

Al sarà enca un sgulvanéd

Primi anni '50 Cattolica - squero - Varo motopeschereccio Falco

Primi anni ’50 Cattolica – squero – Varo motopeschereccio Falco
da sinistra: Antonio Marchini al bov, Mariano Franchi, Colombo Prioli Colombo d’Pipèn

 

  • Al sarà enca un sgulvanéd (ingordo), ma quand la fèma la dis dabon, un l’ingoia pèmpana e sgon (foglie e tralci di vite)
    Sarà anche un ingordo, ma quando la fame dice davvero, uno inghiotte foglie e tralci di vite
  •  

  • A simie ardutt a la cana (alla fine), ma quand t’è l’acqua ma la gola t’impèr enca a nudè, e s’un chèlz tal cul e du pass avènti, a sin arvat in port
    Eravamo ridotti alla fine, ma quando tu hai l’acqua alla gola impari anche a nuotare, e con un calcio nel sedere e due passi in avanti, siamo arrivati in porto
  •  

  • Nu lasa la borsa sora cla scarana (sedia), chè in s’fa al nome del padre pri tola su
    Non lasciare la borsa sopra quella sedia, perché non fanno il nome del padre per tirarla su
  •  

  • Che u t’avnéss un aciflént ma té e chi t’ha badzè; cus t’créd che i baoch is trova longa li sév (siepi)?
    Che ti venisse un accidente a te e a chi ti ha battezzato; cosa credi che i soldi si trovino lungo le siepi?
  •  

  • Roba d’arvanzè tinch i lé, u m’era andè al cor sota li schèrpie, tutt perché invece dla dmènga aveva capì lundé
    Roba da rimanere stecchiti, mi era andato il cuore sotto le scarpe, tutto perché invece della domenica avevo capito luned
  •  

  • Basta da sfurgatlè (sfruculiare) ma cal nès, t l’è bèla ardutt un pivaron!
    Basta di sfruculiare in quel naso, l’hai ridotto come un peperone!

 

A.F. “Sapori e colori del nostro dialetto di A.F.”
La Piazza di Rimini – Giornale di Cattolica, Giugno 2009
(Foto – Archivio fotografico Centro Culturale Polivalente di Cattolica)