Richiedi gratis un preventivo

Al gròte d’infèrne

Grotte di Onferno

 

POESIA DIALETTALE

 

Al gròte d’infèrne

L’aqua l’ha furè
l’ ha scavè e caminè
per ciantnèra d’an
dè e nòta,
al génghi ad gèss
lì s’ é spàchi a gli ha vèrt
buròn e crépi dimpartòt.

La maravèya c’avèm i què
sóra al nòsti culèini
tra al màci de’ bósch,
e i calènch  dla “Riva”
al stà spalanchèdi
al gròte d’infèrne, a Gmèn
a quàtri pàs de’ mèr
i fà da curnisa i Castél Malatestien.

L’aqua la sguélla tra’ l pìtri
l’ ha ciàp e culòr de’ fèr
dèntra te’ pózz al sòna al gózli
al bàt e’ tèmp cum è un arlòz.

Dèntra càl càmri
i nótli tachèd sò
i dòrma mùcid insèn
znèin cum’è pulsèin.
Ma tla” Quarina” grànda
tra giógn e lòj
e suzéd un fàt straurdinèri
e’ sufèt e dvènta
una nóvla rosa
i vin me’ mònd
senza gnènca una pióma.                             .

Us dis che u sèa pàs d’ilé
un grand’òm
e se sù ingègn
l’ha savù scriv t’un libre
tòt i su’ sentimint.

Un viàz te’scùr e te’ silenzi
dèntra  cla pènza granda
dú che e’ santir e’ càla
e’ tèmp u sé farmè
e per da sìnt e su’ fiè.
L’è un mistèr la nosta tèra
l’òm curiòs
e vrèa cnòs e’ bàt de su’ còr
e tòt i ségret che lia la mèsa.

 

Le grotte di Onferno
L’acqua ha forato / ha scavato e camminato / per centinaia di anni / giorno e notte / le rocce di gesso / si sono frantumate e hanno aperto / burroni e crepe ovunque.
La meraviglia che abbiamo qui / sulle nostre colline / tra macchie boschive / e calanchi della Ripa della Morte  sono aperte / lì a Gemmano, le grotte di Onferno / vicine al mare / tra antichi Castelli Malatestiani. /
L’acqua scivola sopra le pietre / ha sfumature rossastre / e nel pozzo l’eco delle gocce / scandiscono
il tempo come un orologio.
Dentro le Grotte / i pipistrelli appesi / dormono ammucchiati / creature piccole come pulcini. / Ma nella sala Quarina grande / tra giugno e luglio / la vita si rinnova / e le rocce del soffitto / diventano rosa / vengono al mondo i piccoli senza piume.
Si dice che sia passato da quelle parti / un grande uomo / e con il suo talento e ispirazione / ha saputo scrivere in un poema /  tutte le sue emozioni.
Un viaggio nel buio e nel silenzio / dentro la grande volta / dove il sentiero scende / pare che il tempo si sia fermato/ pare di udire il suo fiato./
E’ un mistero la nostra terra / e l’uomo curioso/ vorrebbe ascoltare le pulsazioni del suo cuore / e cercare tutti i segreti che ella nasconde.

Note: La sala Quarina Ludovico è la più grande del complesso carsico.  Prende il nome del primo esploratore che la individuò nel 1916. In dialetto  “Riva” I calanchi della Zona conosciuti  come Ripa della morte.
Nota : Si pensa che abbia visitato le Grotte il sommo poeta Dante.

Lidiana Fabbri

La Piazza di Rimini Marzo 2011
Giornale di Coriano – Monte Colombo – Montescudo