Richiedi gratis un preventivo

Adess stà bon i lé, al sa lu perché l’è in bulèta

Gabicce Mare estate del 1958 - Foto ricordo dell'equipaggio sul motopeschereccio San Giorgio in occasione della Festa del Mare.

Gabicce Mare estate del 1958
Foto ricordo dell’equipaggio sul motopeschereccio San Giorgio
in occasione della Festa del Mare
Si riconosce da sinistra: Giuseppe Terenzi, Angelo Terenzi, Armando Terenzi

 

  • Adess stà bon i lé, al sa lu perché l’è in bulèta (in colpa). Li busìe li ha li gambie curtie e al nès longh. Prima o pu li vén zquértie
    Adesso stai buono lì, lo sa lui perché è in colpa. Le bugie hanno le gambe corte e il naso lungo. Prima o poi vengono scoperte
  •  

  • A so andè a paghè li buletie e a so ‘rmasta in buleta dura. Ho svoide al scarslén (portamonete), un gnèra gnènca un sold da fè sunè un ciegh
    Sono andata a pagare le bollette e sono rimasta in bolletta. Ho svuotato il portamonete, non c’era neanche un soldo per fare suonare un cieco
  •  

  • Spirèna c’al vaga tutt ni co léss, che an avina fatt un bus tl’acqua. Si no la saria propria da rugn (forte lamento) o da ‘rugno’, cume al giva al pore ‘Pierino di Calcinèl’ cal zcuriva sempre in italien
    Speriamo che vada tutto liscio, che non abbiamo fatto un buco nell’acqua. Altrimenti sarebbe proprio da lamentarsi con forza o da ‘rugno’ come diceva Pierino dei Calcinelli che parlava sempre in italiano
  •  

  • Ai suoi tempi l’era un zerbinott (damerino) ad gran figura, ma u s’era mont la testa e l’ha ciachè giù (sperperato) tutt quel che l’aveva sli donie e roba armést. Adess u j’è ‘rmast sno li corna che an sa andù che andelie a sbatt
    Ai suoi tempi era un damerino che faceva una bella figura, ma si era montato la testa e ha sperperato tutto quello che aveva con le donne e altro. Adesso gli sono rimaste solo le corna che non sa dove andarle a sbattere
  •  

  • An mi la poss to (non mi va giù)! Ancora an ho capì cum j’ha fatt a frighèm. L’è che se tal mond an gni fussa cért pataca, ma j’ambrujun uj tucaria cambiè mis-cér
    Non mi va giù! Ancora non ho capito come hanno fatto a fregarmi. E’ che nel mondo se non ci fossero certi fessi, gli imbroglioni dovrebbero cambiare mestiere
  •  

  • Osta che arlièv (allievo) che avin tratt su! Po capì che bravitù, roba che t ztima (compiaccia). Me sa fussa stè ti tu pid am saria andè splì sota la sabia da la vargogna
    Accidenti che allievo che abbiamo tirato su! Puoi capire che bravura, non è il caso di compiacersi. Se fossi stato nei tuoi piedi mi sarei andato a seppellire sotto la sabbia dalla vergogna

 

A.F. “Sapori e colori del nostro dialetto di A.F.”
La Piazza di Rimini – Giornale di Cattolica, Settembre 2009
(Foto – Archivio fotografico Centro Culturale Polivalente di Cattolica)