Richiedi gratis un preventivo

Ad quel che un t piés, l’è sempre pin al piatt

Gabicce Mare, fine anni ‘30. Da sinistra: Silvio Berti, Ismaele Badioli.

 

  • Ad quel che un t piés, l’è sempre pin al piatt
    Di quello che non ti piace, è sempre pieno il piatto
  •  

  • Ormai a cnoss al vizie dla bes-cia, l’è mej lassel perd e che us cosa tal su grass
    Ormai conosco i difetti-abitudini della bestia, è meglio lasciarlo perdere e lasciarlo cuocere nel suo grasso
  •  

  • Alè, ai sin d’arnov: sicutèra in principio (dal latino sicut erat: così era), i ché l’è sempre d’arzogna (difficoltà)
    Alé, ci siamo di nuovo: qui siamo sempre in continua difficoltà
  •  

  • Se an scriv la gentiloma (leggera brezza marina), ogg us mor da la bulura (caldo afoso)
    Se non scrive la gentiloma, oggi si muore dal caldo afoso. Gentiloma: leggerissima brezza che increspa il mare piatto come una scrittura. E’ una brezza che porta frescura e si alza da Nord-Ovest (Maestrale) dalle 10 alle 11 circa del mattino
  •  

  • L’è ‘ndè via ad sfrumblun (fuga improvisa) cume ‘na putèna ad nota
    E’ fuggito via improvvisamente come una puttana di notte
  •  

  • Ancora an ha trov la su streda, an è né in ciel né in tera. L’è mess cume un pret smess (spretato)
    Ancora non ha trovato la sua strada. Non è nè in cielo nè in terra, è messo come un prete spretato
  •  

  • L’è un ragazz in gamba da fatt, l’è un che al selta i foss pal longh. I n’è ‘na massa quij che i possa fej li scherpie
    E’ un ragazzo molto in gamba, è uno che salta i fossi per il lungo (capace di grandi cose). Non sono molti quelli che gli possono fare le scarpe
  •  

  • L’è mej che t’la mucia su, perché avé a che fè sa certa zenta, us perd capèla e benefizie
    E’ meglio che tu la finisca qui, perché avere a che fare con certa gente si perde cappella e benefici (c’è tutto da rimetterci)
  •  

  • T’vo quest, t’vo cl’èlt… t’mè bèla tolt l’alma. Ma c’us t cred, che la roba la s compra sla bucia dl’aj?
    Vuoi questo, vuoi quello… mi hai tolto l’anima. Ma cosa credi che la roba si compra con la buccia dell’aglio?
  •  

  • “T’è ciap al rusghin?” – “L’è stè pass jér, sa cal scarmisen (venticello freddo e penetrante) a so scap in bèla vita (vestito leggero) e am so frighè dur”
    “Hai preso la raucedine?” – “E’ stato l’altro ieri, con quel venticello freddo sono uscito vestito leggero e mi sono fregato del tutto

 

A.F. “Sapori e colori del nostro dialetto di A.F.”
La Piazza di Rimini – Giornale di Cattolica, Novembre 2008
(Foto – Archivio fotografico Centro Culturale Polivalente di Cattolica)