Richiedi gratis un preventivo

Palio del Daino, da grande annata

Palio del Daino 2014 - Mondaino

PALIO DEL DAINO 2014 MONDAINO

Vittoria di Montebello (la decima).
Oltre 17mila visitatori nelle quattro giornate.
Dietro, a lavorare, circa 500 volontari; un centinaio i “forestieri”

“La Pro Loco – racconta Saioni – si è rimboccata le maniche e investendo bene le risorse disponibili”

Montebello mette in cascina la XXVII edizione del Palio del Daino (dal 21 al 24 agosto). I numeri dicono che è stato un memorabile successo nonostante che quest’anno l’organizzazione (la Pro Loco, con il sostegno dell’amministrazione comunale) sia partita con qualche mese di ritardo. Ma la macchina era oleata e la passione immutata. Ecco questi numeri che rappresentano un linguaggio non opinabile: oltre 17mila presenze nei quattro giorni. Forse il numero che più esalta e fa riflettere è il 500: il totale delle persone che lavorano affinché una delle rievocazioni più belle d’Italia possa affascinare tutti coloro che salgono in Valconca. Claudia è una fanciulla di Cattolica: “Io ci sono stata il giovedì, il giorno con meno gente. Bellissimo”. Dei 500 volontari, un centinaio giungono da fuori Mondaino; la maggioranza è amica dei mondainesi. Lo fanno per provare nuove emozioni, come Matteo ad esempio.

Il Palio del Daino si chiude con gli spettacolari fuochi artificiali che “incendiano” la rocca di Mondaino, al ritmo delle musiche medievali, in una cornice di stupore e gli applausi scroscianti del folto pubblico. Un’edizione memorabile per affluenza, livello degli spettacoli e numero di artigiani e rievocazioni. Per la cronaca il Palio 2014 è stato conquistato dalla contrada Montebello, che arriva così alla decima vittoria (vittoriosa anche nella prima edizione del 1988).

Oltre 17mila le presenze al Palio nei quattro giorni di festa si diceva. Un’affluenza che conferma l’inossidabile fascino della manifestazione anche in un periodo di crisi come quello attuale, in cui altre rievocazioni e feste storiche subiscono ridimensionamenti o vengono sospese completamente.

“La Pro Loco – racconta Pierpaolo Saioni, prima una persona di valore e poi responsabile della direzione artistica grafica e comunicazione del Palio – si è rimboccata le maniche e investendo bene le risorse disponibili tutti insieme siamo riusciti a mantenere un ottimo livello degli spettacoli, molto apprezzati dal pubblico e culminati negli strepitosi fuochi artificiali”.

“Quest’anno – continua Saioni, elegante 10 da giovane – per l’organizzazione della manifestazione sono state coinvolte sia le persone che hanno fatto la storia del Palio e che hanno apportato la loro grande esperienza, sia i giovani che con entusiasmo hanno abbracciato il progetto, ponendo le basi delle future edizioni”.

“Ringrazio – chiude la riflessione Gabriele Sanchini, neo-presidente della Pro loco – tutta la Pro Loco, il consiglio, i volontari e collaboratori, le Contrade, il Comune di Mondaino e la Provincia di Rimini, che hanno permesso con il loro impegno, lavoro e sostegno la riuscita della festa. Un’edizione che grazie all’attività intensa di tutti è stato possibile organizzare in tempi record, in soli quattro mesi dall’aprile di quest’anno, mentre solitamente la manifestazione richiede un anno di preparazione”.

Tra le curiosità, quest’anno è stato utilizzato un drone per riprendere suggestive immagini aeree della festa, che potranno essere utilizzate per la pubblicazione di un dvd o di un libro che raccolgono le emozioni dell’edizione 2014 del Palio.

La Piazza della Provincia – Settembre 2014
Giornale di Saludecio, Mondaino, Montegridolfo
Restiamo in contatto!
Diventa fan di Cattolica